Passa ai contenuti principali

Il linguaggio della Carità: "Lì amò sino alla fine" (Gv 13,1)

Nel periodo di Avvento/Natale abbiamo meditato il mistero dell’incarnazione chiedendo a Gesù di insegnarci il linguaggio della fede e della speranza.

Anche il tempo di quaresima è intimamente legato al mistero dell’incarnazione, poiché essa trova nella morte di Gesù il culmine dell’abbassamento e umiliazione di Cristo che “pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l'essere come Dio, ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini.[…] umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce” (Fil 2,5-8). 

Nel periodo natalizio, al termine della messa, mi piaceva sostare ai piedi dell’altare e guardare il crocifisso ascoltando il canto del “Tu scendi dalle stelle”. 

Le parole “Io ti vedo qui a tremar O Dio Beato. A te, che sei del mondo Il Creatore mancano panni e fuoco O mio Signore!”  le vedevo riflesse sul corpo di Cristo adagiato non solo sulla culla ma anche sulla croce. Ma, ancor più, risuonava in me la consapevolezza che dinanzi a noi, tra la culla e la croce si declinava il linguaggio dell’amore, della carità: “Quanto questa povertà più mi innamora! Giacché ti fece amor povero ancora! Ahi, quanto ti costò l'avermi amato!”.

Perciò, mi è sembrato quanto mai opportuno declinare con voi, per tutto il tempo della Quaresima, il linguaggio della carità. 

Ancor più sollecitato dalle parole di Papa Francesco, nel giorno del Natale: “Gesù ci dà l’esempio: Lui, il Verbo di Dio, è infante; non parla, ma offre la vita. Noi invece parliamo molto, ma siamo spesso analfabeti di bontà”. Parole che hanno fatto da eco all'enciclica “Fratelli tutti” in cui il papa scriveva: “siamo cresciuti in tanti aspetti ma siamo analfabeti nell'accompagnare, curare e sostenere i più fragili e deboli delle nostre società sviluppate” (FT 64).

Tutta la quaresima è il tempo dell’amore perché è il tempo del deserto, il luogo in cui sentiamo rivolte a noi le parole del Signore “Perciò, ecco, io la sedurrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore…  Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nell'amore e nella benevolenza” (Os. 2,16.21).

L’amore è il senso del digiuno: “Non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato, nell'introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza trascurare i tuoi parenti?” (Is 58,6).

L’amore è il senso della preghiera: ce lo ricorda Gesù invitandoci a pregare Dio chiamandolo Padre.

L’amore è senso della penitenza: “Perciò, io ti dico: i suoi molti peccati le sono perdonati, perché ha molto amato; ma colui a cui poco è perdonato, poco ama” (Lc 7,47).

Del linguaggio dell’amore vorrei consegnarvi tre parole: Interesse – coraggio – sacrificio. 

1. Interesse

L’amore ci spinge ad interessarci dell’altro. Questa parola ha una radice latina: inter-esse. Nella croce noi comprendiamo l’amore di Dio per gli uomini: Dio ci ha tanto amato da interessarsi di noi. Quando si smette di amare tutto ci diventa indifferente, passiamo oltre la storia, oltre l’altro, oltre la vita stessa. Come i sacerdoti e i leviti nella parabola del buon samaritano passiamo oltre, non ci interessiamo. “Ci siamo abituati - scrive il papa - a girare lo sguardo, a passare accanto, a ignorare le situazioni finché queste non ci toccano direttamente” (FT 64). Interesse vuol dire stare-tra. Da Gesù impariamo cosa vuol dire “stare tra”, impariamo il linguaggio dell’amore che stupisce, interroga: “Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: "Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?" (Mc 2,16). 

In questo tempo ci chiediamo: E ai discepoli di Gesù cosa interessa? I propri affari? i propri beni? i propri interessi? La conversione a cui ci richiama questo tempo di quaresima potrebbe riguardare i nostri interessi. Dove si trova il nostro cuore? tra cosa si trova? “Dov'è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore” (Mt 6,21).

2. Coraggio

Anche questa parola ha una radice latina: cor-habere o cor-agere (agire con il cuore). L’amore è coraggioso, non si lascia frenare dalla paura. Pensiamo alle madri-coraggio, ai martiri e in essi intravediamo un segno dell’azione di Dio verso di Dio. Quante volte abbiamo sentito rivolte a noi le parole di Gesù: “Coraggio, sono io!”. Il coraggio ci ricorda che l’amore non tanto un sentimento o un'emozione: è una scelta da fare con il cuore. Il suo linguaggio non è fatto soltanto di parole, quanto di azioni, di opere. Ci vuole coraggio per amare secondo il vangelo: per perdonare, ricominciare, accogliere, donare, per vivere la carità il tutta la ricchezza del vocabolario insegnatoci da Gesù.

In questa quaresima potremmo esercitarci nello scoprire per ogni lettera dell’alfabeto una parola del vangelo che ci aiuti a riconoscere la ricchezza del vocabolario della carità insegnatoci dal Maestro. 

3. Sacrificio

Anche l’ultima parola ha una radice latina: sacrum-facere, rendere sacro. I sacrifici antichi avvenivano con il fuoco: un bue o una pecora venivano bruciati per diventare una offerta per Dio. Nella croce di Gesù noi impariamo l’amore che si dona nel sacrificio. 

L’autore della lettera agli ebrei si chiedeva: “se il sangue dei capri e dei vitelli e la cenere di una giovenca, sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano purificandoli nella carne, quanto più il sangue di Cristo - il quale, mosso dallo Spirito eterno, offrì se stesso senza macchia a Dio - purificherà la nostra coscienza dalle opere di morte, perché serviamo al Dio vivente? (Eb 9,13-14.). L’amore è un sacrificio, ci brucia e ci consuma per illuminare. È ciò che contempliamo nel cero pasquale: una luce che brucia consumandosi. 

Non possiamo pensare di amare senza dare, senza perdere, senza consumare. Così come non possiamo comprendere il sacrificio senza l’amore. Lo stesso evangelista Giovanni introdurrà tutto il racconto della passione del Signore con l'espressione: “li amò sino alla fine” (Gv 13,1). Essa è il "mercoledì santo" che ci introduce nel grande mistero della passione - morte e risurrezione di Gesù. Non possiamo comprendere la croce senza l’amore.

Il sacrificio senza amore è faticoso, incomprensibile, inutile. Gesù, sulla croce, consegna se stesso, diventando per noi l’agnello che toglie i peccati dal mondo. Il suo dono sulla croce è il segno del suo amore. Con la sua consegna al Padre, Gesù rende sacro, sacro tutto ciò che è unito a Lui. Il fuoco che brucia la nostra vita è la carità. L’amore brucia, purifica, riscalda, rende la nostra vita un’offerta, un dono. 


Questa disposizione del cuore mi è sembrato di coglierla in una preghiera di S. Ignazio che ci accompagnerà in questo tempo di Quaresima. La pregheremo ogni giorno al termine della messa e, nelle nostre case, all'inizio o al termine della nostra giornata.


«Prendi, Signore, e accetta 

tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto,

 e tutta la mia volontà, tutto ciò che ho e possiedo; 

tu mi hai dato tutte queste cose, a te, Signore, le restituisco;

sono tutte tue, disponine secondo la tua volontà. 

Dammi il tuo amore e la tua grazia, 

queste sole, mi bastano».


Commenti

Post popolari in questo blog

Natale 2021

“Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce” - omelia Natale 2021 In questi giorni un ragazzo mi ha scritto in un messaggio: v orrei capire dove stia andando la mia vita e dove Dio mi chiede di orientarla. Mi daresti un consiglio? La domanda mi ha lasciato un po’ stranito perché non è facile capire dove orientare la propria vita, sapere dove Dio la stia muovendo (non è facile per la propria, ma ancor di più per gli altri). Ho conservato per me questa domanda lasciandomi interrogare dal tempo liturgico del Natale. Nei racconti dell’infanzia di Gesù vi sono uomini e donne che cercano un orientamento: i pastori e i magi; il vecchio Simeone, Maria e Giuseppe. Così come nel primo testamento è possibile cogliere come in tutta la storia di Israele vi sia un cammino verso qualcosa. Ce lo ho ricordato Isaia: “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce”. “Dove stiamo orientando la nostra vita? Da cosa sono mosse le nostre scelte?” sembra sia la stessa dom

Quaresima 2022

IL MIO PESO È LEGGERO” (mt 11,30) Traccia per i cammino quaresimale 2022 L’imposizione delle ceneri viene accompagnata da due inviti: “ Convertitevi, e credete al Vangelo” - “ Ricòrdati che sei polvere, e in polvere tornerai ”. Nel libro della Genesi leggiamo: “Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché non ritornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere ritornerai ” (Gen 3,19). Queste parole ricordano le origini e il fine della vita dell’uomo, creato da Dio dalla polvere già prima del peccato originale. Ci dicono che s iamo polvere per “natura”, ossia, che siamo stati creati da Dio come esseri fragili: “ Signore, che cos'è l'uomo perché tu l'abbia a cuore? Il figlio dell'uomo, perché te ne dia pensiero? L'uomo è come un soffio, i suoi giorni come ombra che passa ” (sal 144,3-4; sal 39,6-7). L’uomo può guardare alla sua fragilità con gli occhi della grazia o con quelli del peccato. Creato dalla polvere, appesantito

Il Maestro e Signore: omelia Giovedì santo

Chi è Gesù? Sono passati circa 2000 anni dalla sua nascita, molte cose sono cambiate, molti avvenimenti hanno modificato la storia e la vita della chiesa. Perciò non smettiamo di chiederci: Chi è Gesù per noi, per me, oggi? Questa domanda non sembri scontata. In questi tre giorni, attraverso i gesti e le parole della liturgia, la chiesa ci aiutano a conoscere il mistero di Cristo, a lasciarci abbagliare dalla sua persona e dalla sua missione.  Cosa dice Gesù di se stesso? Lo abbiamo ascoltato: “Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono” (gv 13,13). Nel momento più importante della sua vita, al culmine del suo cammino, “sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre” (gv 13,1) Gesù si fa conoscere come Maestro e Signore.  I maestri sono importanti nella vita di una persona. Tutto sommato noi siamo anche i nostri maestri. Ma chi è un maestro?  Certamente non intendiamo per maestro chi ci fa una lezione frontale o un predic