Passa ai contenuti principali

Il linguaggio della Carità: "Lì amò sino alla fine" (Gv 13,1)

Nel periodo di Avvento/Natale abbiamo meditato il mistero dell’incarnazione chiedendo a Gesù di insegnarci il linguaggio della fede e della speranza.

Anche il tempo di quaresima è intimamente legato al mistero dell’incarnazione, poiché essa trova nella morte di Gesù il culmine dell’abbassamento e umiliazione di Cristo che “pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l'essere come Dio, ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini.[…] umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce” (Fil 2,5-8). 

Nel periodo natalizio, al termine della messa, mi piaceva sostare ai piedi dell’altare e guardare il crocifisso ascoltando il canto del “Tu scendi dalle stelle”. 

Le parole “Io ti vedo qui a tremar O Dio Beato. A te, che sei del mondo Il Creatore mancano panni e fuoco O mio Signore!”  le vedevo riflesse sul corpo di Cristo adagiato non solo sulla culla ma anche sulla croce. Ma, ancor più, risuonava in me la consapevolezza che dinanzi a noi, tra la culla e la croce si declinava il linguaggio dell’amore, della carità: “Quanto questa povertà più mi innamora! Giacché ti fece amor povero ancora! Ahi, quanto ti costò l'avermi amato!”.

Perciò, mi è sembrato quanto mai opportuno declinare con voi, per tutto il tempo della Quaresima, il linguaggio della carità. 

Ancor più sollecitato dalle parole di Papa Francesco, nel giorno del Natale: “Gesù ci dà l’esempio: Lui, il Verbo di Dio, è infante; non parla, ma offre la vita. Noi invece parliamo molto, ma siamo spesso analfabeti di bontà”. Parole che hanno fatto da eco all'enciclica “Fratelli tutti” in cui il papa scriveva: “siamo cresciuti in tanti aspetti ma siamo analfabeti nell'accompagnare, curare e sostenere i più fragili e deboli delle nostre società sviluppate” (FT 64).

Tutta la quaresima è il tempo dell’amore perché è il tempo del deserto, il luogo in cui sentiamo rivolte a noi le parole del Signore “Perciò, ecco, io la sedurrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore…  Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nell'amore e nella benevolenza” (Os. 2,16.21).

L’amore è il senso del digiuno: “Non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato, nell'introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza trascurare i tuoi parenti?” (Is 58,6).

L’amore è il senso della preghiera: ce lo ricorda Gesù invitandoci a pregare Dio chiamandolo Padre.

L’amore è senso della penitenza: “Perciò, io ti dico: i suoi molti peccati le sono perdonati, perché ha molto amato; ma colui a cui poco è perdonato, poco ama” (Lc 7,47).

Del linguaggio dell’amore vorrei consegnarvi tre parole: Interesse – coraggio – sacrificio. 

1. Interesse

L’amore ci spinge ad interessarci dell’altro. Questa parola ha una radice latina: inter-esse. Nella croce noi comprendiamo l’amore di Dio per gli uomini: Dio ci ha tanto amato da interessarsi di noi. Quando si smette di amare tutto ci diventa indifferente, passiamo oltre la storia, oltre l’altro, oltre la vita stessa. Come i sacerdoti e i leviti nella parabola del buon samaritano passiamo oltre, non ci interessiamo. “Ci siamo abituati - scrive il papa - a girare lo sguardo, a passare accanto, a ignorare le situazioni finché queste non ci toccano direttamente” (FT 64). Interesse vuol dire stare-tra. Da Gesù impariamo cosa vuol dire “stare tra”, impariamo il linguaggio dell’amore che stupisce, interroga: “Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: "Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?" (Mc 2,16). 

In questo tempo ci chiediamo: E ai discepoli di Gesù cosa interessa? I propri affari? i propri beni? i propri interessi? La conversione a cui ci richiama questo tempo di quaresima potrebbe riguardare i nostri interessi. Dove si trova il nostro cuore? tra cosa si trova? “Dov'è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore” (Mt 6,21).

2. Coraggio

Anche questa parola ha una radice latina: cor-habere o cor-agere (agire con il cuore). L’amore è coraggioso, non si lascia frenare dalla paura. Pensiamo alle madri-coraggio, ai martiri e in essi intravediamo un segno dell’azione di Dio verso di Dio. Quante volte abbiamo sentito rivolte a noi le parole di Gesù: “Coraggio, sono io!”. Il coraggio ci ricorda che l’amore non tanto un sentimento o un'emozione: è una scelta da fare con il cuore. Il suo linguaggio non è fatto soltanto di parole, quanto di azioni, di opere. Ci vuole coraggio per amare secondo il vangelo: per perdonare, ricominciare, accogliere, donare, per vivere la carità il tutta la ricchezza del vocabolario insegnatoci da Gesù.

In questa quaresima potremmo esercitarci nello scoprire per ogni lettera dell’alfabeto una parola del vangelo che ci aiuti a riconoscere la ricchezza del vocabolario della carità insegnatoci dal Maestro. 

3. Sacrificio

Anche l’ultima parola ha una radice latina: sacrum-facere, rendere sacro. I sacrifici antichi avvenivano con il fuoco: un bue o una pecora venivano bruciati per diventare una offerta per Dio. Nella croce di Gesù noi impariamo l’amore che si dona nel sacrificio. 

L’autore della lettera agli ebrei si chiedeva: “se il sangue dei capri e dei vitelli e la cenere di una giovenca, sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano purificandoli nella carne, quanto più il sangue di Cristo - il quale, mosso dallo Spirito eterno, offrì se stesso senza macchia a Dio - purificherà la nostra coscienza dalle opere di morte, perché serviamo al Dio vivente? (Eb 9,13-14.). L’amore è un sacrificio, ci brucia e ci consuma per illuminare. È ciò che contempliamo nel cero pasquale: una luce che brucia consumandosi. 

Non possiamo pensare di amare senza dare, senza perdere, senza consumare. Così come non possiamo comprendere il sacrificio senza l’amore. Lo stesso evangelista Giovanni introdurrà tutto il racconto della passione del Signore con l'espressione: “li amò sino alla fine” (Gv 13,1). Essa è il "mercoledì santo" che ci introduce nel grande mistero della passione - morte e risurrezione di Gesù. Non possiamo comprendere la croce senza l’amore.

Il sacrificio senza amore è faticoso, incomprensibile, inutile. Gesù, sulla croce, consegna se stesso, diventando per noi l’agnello che toglie i peccati dal mondo. Il suo dono sulla croce è il segno del suo amore. Con la sua consegna al Padre, Gesù rende sacro, sacro tutto ciò che è unito a Lui. Il fuoco che brucia la nostra vita è la carità. L’amore brucia, purifica, riscalda, rende la nostra vita un’offerta, un dono. 


Questa disposizione del cuore mi è sembrato di coglierla in una preghiera di S. Ignazio che ci accompagnerà in questo tempo di Quaresima. La pregheremo ogni giorno al termine della messa e, nelle nostre case, all'inizio o al termine della nostra giornata.


«Prendi, Signore, e accetta 

tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto,

 e tutta la mia volontà, tutto ciò che ho e possiedo; 

tu mi hai dato tutte queste cose, a te, Signore, le restituisco;

sono tutte tue, disponine secondo la tua volontà. 

Dammi il tuo amore e la tua grazia, 

queste sole, mi bastano».


Commenti

Post popolari in questo blog

18 maggio si ritorna a messa: come ci organizziamo?

Dal 18 maggio sarà possibile ritornare a celebrare l’Eucaristia a porte aperte.  Avvieremo un percorso che terrà conto di tutte le indicazioni dei vescovi italiani e del nostro vescovo a cui vi rimando:  http://www.diocesidialtamura.it/2020/05/13/il-18-maggio-tornano-le-messe-con-i-fedeli-le-disposizioni-della-diocesi/ Alcune indicazioni circa la Cattedrale Norme generali Apertura chiesa : mattino 9.00 – 11.00 / sera 18.00 /20.00 Ingressi : le due porte laterali serviranno unicamente come uscita – quella centrale come entrata.  All'ingresso si troveranno alcuni dispositivi per igienizzare le mani. Sarebbe opportuno arrivare in chiesa almeno qualche minuto prima delle celebrazioni per poter gestire meglio gli ingressi. Chi ha bisogno della pedana potrà entrare ed uscire dal lato destro.  Non sostare sul sagrato   Capienza delle persone : massimo 140 persone. Ognuno potrà sedersi su un banco in posti riservati. Uso delle mascherine : obbligatorio Gli uffici:  per eventuali

Lettera per il mese di Maggio

Nel libro degli Atti degli apostoli è scritto che gli Apostoli si ritrovarono assieme ad alcune donne e Maria, la madre di Gesù, in una sala al piano superiore per pregare. In questa camera Maria e gli apostoli ricevono il dono straordinario dello Spirito santo  Non sappiamo quale sia questa stanza ma mi piace pensare che possa essere una delle stanze delle nostre case.  In questo Mese vivremo insieme alcuni appuntamenti: ogni giorno su whatsApp ci sarà offerta una breve riflessione su alcune preghiere rivolte a Maria. alle ore 17.00 ogni giorno ci ritroveremo su Radio Futura (98,5 MHz) per dedicare uno spazio alle famiglie e, in modo particolare, agli anziani e ammalati. Continueremo la Scuola della Parola sul libro degli Atti degli Apostoli il venerdì alle ore 17.30 – 19.00 – 21.30 In Cattedrale sarà possibile pregare dinanzi ad immagine della Madonna che abbiamo collocato sull'altare maggiore. In questo tempo di Pasqua vogliamo riconoscere che la nostr

2 maggio: Ave Maria

Ave Maria! “La vergine si chiamava Maria” (Lc 1,27). Il nome Maria ha tanti significati: amata da Dio, signora, stella del Mare. Su quest’ultimo significato S. Bernardo dice: " Ella è questa nobile stella uscita da Giacobbe, i cui raggi illuminano l'universo intero, brillano nei cieli e penetrano fin negli abissi. (…) Se il vento delle tentazioni ti assale,  se gli scogli della sventura ti si parano davanti, guarda la Stella, rivolgiti a Maria.   Se la collera, l'avarizia, la seduzione della carne sballottano la fragile barca della tua anima, rivolgi il tuo sguardo a Maria.  Quando, tormentato dall'enormità e dall'atrocità delle tue colpe, vergognoso per le sozzure della tua coscienza, terrorizzato dalla minaccia del giudizio, cominci ad essere afferrato dal baratro della tristezza e dall'abisso della disperazione, pensa a Maria. Nei pericoli, nell'angoscia, nell'incertezza, invoca Maria.  Che il suo nome mai abbandoni le tue labb