Passa ai contenuti principali

18 maggio Madonna di Costantinopoli

Questo titolo attribuito a Maria ha un profumo tutto meridionale. Non solo per le origini dell’immagine che richiama le icone bizantine ma anche per i luoghi in cui queste sono state accolte, imitate e venerate (la campania, la puglia, la calabria).

Nella icone l’immagine di Cristo, di Maria e dei santi è circondata di un grande mistero. Gli iconografi “scrivevano” le icone tenendo conto di schemi precisi con i quali raccontavano il vangelo. I tratti con i quali vengono dipinti i soggetti religiosi sono “impersonali” e più simbolici perché tutto (colori, forme, oggetti, sguardi, posizioni del corpo) deve richiamare una verità che va oltre il dipinto stesso. Sarà l’arte italiana, con il contributo di Giotto ad “umanizzare” le immagini sacre.

Le icone mariane, giunte da Costantinopoli, rappresentano il mistero della maternità di Maria, chiamata Theotokos, la madre di Dio. Maria ha il bambino poggiato sulle gambe, la posizione di entrambi è frontale e lo sguardo è fisso rivolto a chi li osserva, e, mentre con una mano lo trattiene, con l’altra lo indica. Per questo Maria viene chiamata l’Odegitria, colei che indica la via. Il bambino, di solito, non è un infante ma un è in un età che gli permette di stare in piedi sulle ginocchia della madre e il suo volto, a volte, ha i tratti di un adulto. All’iconografo non interessa molto esprimere il legame tra la madre e il bambino in termini affettivi quanto comunicare alcune verità della fede: la divinità e umanità di Cristo, la maternità e la verginità di Maria, la grazia e la natura che si intrecciano nella vita della madre di Dio. Tutto questo è rappresentato dai colori: il rosso scuro esprime la grazia e, a volte, la sofferenza; il verde al vita, le tre stelle la verginità di Maria prima, durante e dopo il parto, il rotolo racchiude la benedizione di Dio sull’umanità, ecc.

C’è un tipo di icona, chiamata Eleousa o della tenerezza, che esprime la maternità di Maria in una vicinanza più affettuosa col bambino Gesù. Nel volto di Maria si coglie maggiormente l’affetto misto a tenerezza della madre. Il Bambino che le sta in braccio porge amorevolmente le guance al volto della Madre e sembra cingerla in un affettuoso abbraccio. I colori conservano i loro significati così come gli oggetti. L’Eleousa sembra derivare dal prototipo di S. Luca anche se, la più antica rappresentazione, risulta essere fatta interamente in avorio, ed essere di origine egiziana dell’VIII secolo. Infatti tale icona è presente a Costantinopoli solo dall’XI, XII secolo.

L’icona della Madre di Dio che veneriamo nella nostra città mi sembra più vicina ad una Madonna della tenerezza dove il legame tra la Madonna e il suo bambino ci lascia intravedere con più chiarezza l’umanità della madre attraverso il capo chino sul bambino, la dolcezza dei suoi occhi, la posizione della mano destra che piuttosto che indicare, protegge e regge il bambino. Anche il bambino Gesù, mentre trattiene il rotolo in una mano, con l’altra, piuttosto che benedire, è rivolta al collo della madre.


Madre di Dio e madre mia, Maria Madonna di Costantinopoli, che lasciando nella tua cara immagine le lontane contrade d’Oriente hai innalzato il tuo trono in mezzo a noi, mostraci sempre i tuoi occhi sovrani e materni e ottienici dal tuo Figlio divino tutte le grazie necessarie per l’anima e per il corpo, per noi, per le nostre famiglie, per la nostra Città e per tutti i nostri fratelli.

Madre di Dio e madre mia, Maria Madonna di Costantinopoli, che nella tua cara immagine ti mostri sempre congiunta col tuo bambino Gesù fa che non siamo mai separati da Lui per la colpa, ma che siamo invece sempre uniti con Lui per la grazia, la virtù la santità in tutti i giorni della nostra vita, e sino all’ultimo nostro respiro.

Madre di Dio e madre mia, Maria Madonna di Costantinopoli, che nella tua cara immagine ti mostri adornata di splendente corona, come il tuo Figlio divino, fa che seguendo su questa terra i vostri esempi, possiamo venire in cielo, a godere la tua gloria immortale, a lodare per sempre gli augusti e dolci Nomi di Gesù e Maria.


Commenti

Post popolari in questo blog

18 maggio si ritorna a messa: come ci organizziamo?

Dal 18 maggio sarà possibile ritornare a celebrare l’Eucaristia a porte aperte. Avvieremo un percorso che terrà conto di tutte le indicazioni dei vescovi italiani e del nostro vescovo a cui vi rimando: http://www.diocesidialtamura.it/2020/05/13/il-18-maggio-tornano-le-messe-con-i-fedeli-le-disposizioni-della-diocesi/Alcune indicazioni circa la CattedraleNorme generaliApertura chiesa: mattino 9.00 – 11.00 / sera 18.00 /20.00Ingressi: le due porte laterali serviranno unicamente come uscita – quella centrale come entrata. All'ingresso si troveranno alcuni dispositivi per igienizzare le mani. Sarebbe opportuno arrivare in chiesa almeno qualche minuto prima delle celebrazioni per poter gestire meglio gli ingressi.Chi ha bisogno della pedana potrà entrare ed uscire dal lato destro. Non sostare sul sagratoCapienza delle persone: massimo 140 persone. Ognuno potrà sedersi su un banco in posti riservati.Uso delle mascherine: obbligatorioGli uffici: per eventuali richieste (certificati, inte…

Lettera per il mese di Maggio

Nel libro degli Atti degli apostoli è scritto che gli Apostoli si ritrovarono assieme ad alcune donne e Maria, la madre di Gesù, in una sala al piano superiore per pregare. In questa camera Maria e gli apostoli ricevono il dono straordinario dello Spirito santo Non sappiamo quale sia questa stanza ma mi piace pensare che possa essere una delle stanze delle nostre case.  In questo Mese vivremo insieme alcuni appuntamenti: ogni giorno su whatsApp ci sarà offerta una breve riflessione su alcune preghiere rivolte a Maria.alle ore 17.00 ogni giorno ci ritroveremo su Radio Futura (98,5 MHz) per dedicare uno spazio alle famiglie e, in modo particolare, agli anziani e ammalati.Continueremo la Scuola della Parola sul libro degli Atti degli Apostoli il venerdì alle ore 17.30 – 19.00 – 21.30In Cattedrale sarà possibile pregare dinanzi ad immagine della Madonna che abbiamo collocato sull'altare maggiore.
In questo tempo di Pasqua vogliamo riconoscere che la nostra Chiesa è viva
Èviva nel nostro c…

2 maggio: Ave Maria

Ave Maria!

“La vergine si chiamava Maria” (Lc 1,27). Il nome Maria ha tanti significati: amata da Dio, signora, stella del Mare.

Su quest’ultimo significato S. Bernardo dice: "Ella è questa nobile stella uscita da Giacobbe, i cui raggi illuminano l'universo intero, brillano nei cieli e penetrano fin negli abissi. (…) Se il vento delle tentazioni ti assale, 
se gli scogli della sventura ti si parano davanti, guarda la Stella, rivolgiti a Maria.
Se la collera, l'avarizia, la seduzione della carne sballottano la fragile barca della tua anima, rivolgi il tuo sguardo a Maria. 
Quando, tormentato dall'enormità e dall'atrocità delle tue colpe, vergognoso per le sozzure della tua coscienza, terrorizzato dalla minaccia del giudizio, cominci ad essere afferrato dal baratro della tristezza e dall'abisso della disperazione, pensa a Maria. Nei pericoli, nell'angoscia, nell'incertezza, invoca Maria. 
Che il suo nome mai abbandoni le tue labbra ed il tuo cuore. 
E per ottene…