Passa ai contenuti principali

Lettera ai fidanzati

«Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade 
e uscirono incontro allo sposo. 
Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; 
le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l'olio; 
le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l'olio in piccoli vasi. 
Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono. 
A mezzanotte si alzò un grido: «Ecco lo sposo! Andategli incontro!». 
Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. 
Le stolte dissero alle sagge: «Dateci un po' del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono». Le sagge risposero: «No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene». 
Ora, mentre quelle andavano a comprare l'olio, 
arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, 
e la porta fu chiusa. 
Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: 
«Signore, signore, aprici!». 
Ma egli rispose: «In verità io vi dico: non vi conosco». 
Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l'ora» (Mt 25,1-13).

Lepisodio dello sposo che ritarda è una consolazione per chi fa ritardo anche il giorno delle nozze! Ma non penso che Gesù ci abbia raccontato questa parabola per questo motivo.
Questo racconto mi è venuto in mente pensando a voi che, in questi giorni, mi avete cercato per riconsiderare la data del vostro matrimonio.
Ho immaginato le spose del vangelo che attendono lo sposo che ritarda piene di gioia, in corsa verso il loro amato con le lampade accese. Ma mi sono venuti alla mente anche i loro sguardi smarriti e tristi nel trovare le porte chiuse. Mi è apparsa, per un attimo, la loro delusione, l’amarezza e la fatica. Quando lattesa si prolunga nel tempo si rischia di addormentarsi.
Anche lattesa ha un prezzo da pagare. Se da una parte può accendere un desiderio, dallaltra, quando si prolunga nel tempo, può consumare tutto lolio, spegnendo lentusiasmo e i sogni.
Immagino che rimandare la data delle nozze non voglia dire soltanto spostare i festeggiamenti in un altro momento, né può risollevarci il sapere che non dobbiamo rimettere in discussione il 40% dellorganizzazione (in fondo, il vestito è già stato acquistato, i parenti sono gli stessi, la chiesa è libera, ecc). Penso a questa scelta obbligata come ad un dover prolungare una pausa che non dipende da noi e, quindi, al rischio di assopirsi, di addormentarsi nella notte dellattesa.
Per questo, in questi giorni, ho pensato a voi e ho deciso di scrivervi per dirvi che se lo sposo tarda a venire, non dimenticate di mettere lolio nelle lampade!
Siate saggi, non preoccupatevi solo di abbellire le lampade che perderebbero la loro lucentezza se non fossero alimentate dallolio.
Perciò, mi sono chiesto: come
è possibile alimentare le lampade?
Mi sono venute alla mente alcune idee e proposte che vorrei condividere con voi:

1.   Diamo voce ai sentimenti e alle emozioni: rimandare la data del matrimonio non vuol dire solo scegliere su un calendario un giorno o un mese. Per alcuni significa aggiungere altra fatica o stress, rimettere in gioco alcuni programmi, continuare a vivere a casa con i propri genitori, affrontare nuove spese e nuovi affanni. Nella coppia si è in due e si è diversi. Ognuno porta con sé la propria storia, i propri legami, le proprie gioie e ferite. Diamoci del tempo per ascoltare i nostri sentimenti ed emozioni, prima da soli, poi insieme. Accogliendo le lacrime o i sorrisi, condividendo le paure e le emozioni. I linguaggi con i quali comunichiamo noi stessi sono caratterizzati dal nostro essere uomini e donne, dai nostri vissuti, dalla nostra identità più profonda perciò sono differenti e unici. Non diciamoci tanto non puoi capire o ma che te ne importa! o lasciamo perdere.  

   2. Dopo esserci ascoltati, ri-diciamoci: «in questa strada non siamo soli: siamo in due». È questa la nostra forza! Il dolore, la fatica o le preoccupazioni possono portarci ad aver paura di affidarci a qualcuno e a decidere di camminare da soli nella vita. Diciamoci lun laltro: non temere, io sono sempre accanto a te!
3.   Diamoci una carezza! Lolio delle nostre lampade si alimenta con parole e gesti positivi. Un esercizio non molto difficile, alla fine della giornata, è chiederci quante parole o gesti positivi (es. brava, hai detto una cosa giusta, mi piace) ci siamo scambiati gli uni gli altri (lo stesso lo si potrebbe fare rispetto ai nostri genitori, amici, colleghi). Se in questo tempo ci mancano carezze, strette di mano, abbracci non priviamoci di carezze “verbali”, di parole di tenerezza, di attenzione, di perdono, di consolazione, di frasi che ci lasciano un segno e trasmettono calore ai nostri cuori. Questo è il tempo lento delle lettere (non solo degli sms o dei video) così come amava fare Soren Kierkegaard con la sua fidanzata Regina Olsen.
Mia Regina!
Sappi che ogni volta che tu mi ripeti che mi ami dalla sostanza più intima della tua anima,
è come se lo udissi per la prima volta, 
e come un uomo, che possedesse il mondo intero, 
avrebbe bisogno dell’intera sua vita per contemplare la magnificenza, 
così anche a me sembra che ci sarebbe bisogno della vita intera per riflettere su tutta la mia ricchezza contenuta nel tuo amore. 
Sappi che ogni volta che tu così solennemente mi garantisci 
che mi ami sempre allo stesso modo, sia quando sono allegro sia quando sono trite, 
e ancora di più quando sono triste (…) 
sappi allora che tu salvi un’anima dal purgatorio. 
 Tu sai che la Chiesa Cattolica insegna che le preghiere di una persona pia 
procurano conforto alle anime che vivono nel purgatorio, 
io so che è così, e ogni volta che tu menzioni il tuo amore
 allora non sento più il tintinnare delle catene, allora io sono libero”.
4.   Incontriamoci nel giorno in cui avevate pensato di celebrare le nozze! Potremmo vederci in chiesa alla stessa ora per affidare a Dio questa ultima tappa del vostro cammino verso il matrimonio. Quel giorno lo avete pensato come un giorno di festa, come un giorno benedetto da Dio ed è bene che sia così! Non un giorno di rimpianti o sfiducia. Ci ritroviamo in chiesa per fare il pieno alle lampade per la consegna di una Bibbia che abbiamo pensato per la vostra famiglia. Non dimenticate che nel sacramento matrimonio sarete almeno in tre! Perciò fate spazio a Dio.

Carissimi,
Pensando al vostro matrimonio vorrei suggerirvi di preparare tre inviti.
Il primo è per la fede. Non c’è matrimonio senza la fede (almeno quella nuziale!).
Immagino la fede come uno di quegli invitati che si riscoprono dopo il giorno delle nozze. Quelli da cui non ti aspettavi un messaggio o una lettera così bella, uno di quelli che non ti lascerà mai e che ritroverai nella foto dell’anniversario di matrimonio tra 10, 25, 50 anni.
Il secondo invitato sono certo che non lo avete dimenticato! È lamore. Già, perché non è possibile nessun matrimonio senza la carità (a me piace chiamarlo così). Anche questo lo immagino non solo in chiesa ma anche nella sala. È uno di quegli invitati che trovi ovunque: su tutte le foto, in mezzo a tutti i discorsi, nel suono delle parole e tra gli sguardi degli sposi. I fotografi proveranno a immortalarlo ma lui sfugge come un bambino capriccioso. Questo invitato mettetelo sempre in cima alla lista!
Non dimenticatelo mai: nelle notti insonni, nei tempi di attesa e di gioia, nelle fatiche e nelle feste. Lui non può mancare!

Il terzo invito è per l’ospite speciale di questo anno! È la speranza.
La immagino come una signora non molto invadente, che interviene sempre al momento giusto, sa gustare ogni portata ma non si abbuffa perché è curiosa e sa aspettare. Lei è presente a tutti i matrimoni perché senza la speranza è difficile fare una scelta per tutta la vita. Senza di lei si rischia di rimane seduti su un trampolino cercando un motivo per gettarsi.
La speranza è l’olio che alimenta l’attesa di un figlio, il perdono reciproco, il sogno di un amore che ha il profumo dell’eternità.
Però, quest’anno, la speranza la immagino seduta al tavolo degli sposi!
E quando i vostri figli vi chiederanno: “mamma, papà chi è quella signora seduta affianco a voi?”. Non sarà difficile dire: era l’invitata speciale, era il regalo più bello che Dio aveva conservato per noi, è l’olio che continua ad alimentare le lampade del nostro amore.
Se le donne non avessero avuto nel cuore la speranza di poter incontrare lo sposo non sarebbero partite.
Ci sono tre tipi di speranza:
-     
- quella di chi dimentica l’olio e pensa che la speranza sia solo un sogno che svanisce appena ci si sveglia, come un principe azzurro che svanisce nei sogni infantili;
- quella di chi inizia un cammino ma poi si scoraggia dinanzi alle difficoltà;
- quella di chi sa che la vita è un dono e se ne assume la responsabilità, di chi attende ad occhi aperti e, anche se, a volte, si addormenta o si stanca, trova nella sua lampada un motivo per rialzarsi e continuare a camminare.

Non dimenticheremo mai quest’anno perché ci sta insegnando il vocabolario della speranza. Stiamo imparando, come l’agricoltore, a vangare il terreno, ad essere generosi nel seme buono, ad aspettare che il sole riscaldi e l’acqua irrighi gli spazi aridi della nostra vita. Mi auguro che lo spostamento della data del matrimonio possa aiutarci a spostare la nostra attenzione su cose più belle ed essenziali e l’emergenza in cui ci siamo ritrovati possa far emergere tutto il bene possibile per il quale vale la pena vivere.
Se vi stancate e, qualche volta, sentite la fatica o lamarezza dellattesa, non scoraggiatevi: avete con voi lolio!
E anche se lo sposo tarda a venire, non siete soli!

Acquaviva, 26 aprile 2020
III domenica di Pasqua

Un abbraccio
Mimmo, il vostro parroco.



Commenti

Post popolari in questo blog

Come i pastori e i magi: analfabeti e curiosi

Il tempo di Natale presenta d ue destinatari privilegiati dell’annuncio della nascita del Messia: i pastori e i magi. I primi sono uomini che vivono una condizione di marginalità, poveri e analfabeti. I secondi, si presentano in una condizione economica e culturale differente: possono viaggiare e sono accolti alla corte del Re Erode. Il loro status, però, non colma una lacuna: anche essi non conoscono, non sanno. Hanno un'intuizione, una visione, cercano ma non trovano.  Dinanzi al mistero di Dio, a volte, ci sentiamo come i pastori : completamente analfabeti, assorbiti dalle preoccupazioni quotidiane, occupati dai nostri affanni. Altre volte come i magi : percepiamo qualcosa, cerchiamo ma non abbiamo gli strumenti per parlare di Dio. Abbiamo delle conoscenze culturali, ci siamo fatti delle idee ma ci sentiamo analfabeti rispetto al linguaggio della fede.  Questa condizione ha richiamato alla mia mente tre forme di analfabetismo che mi piacerebbe declinare con la fede, la spera

La Messa al tempo del COVID

  Ciao Saverio [1] , mentre mi chiedevo cosa proporre alla nostra Comunità per il tempo di Avvento mi sono imbattuto nel tuo post su Facebook . Ti domandavi che senso avesse tenere aperte le chiese in questo periodo così complesso a causa dell’emergenza Covid attribuendo questa concessione alla “longa manus” del potere ecclesiastico che, alla fine, riesce sempre ad ottenere ciò che vuole. Non so se le cose siano andate così e, non ti nascondo che, se fosse vero, mi dispiacerebbe molto. Ma vorrei dirti, senza presumere di mutare la tua opinione, perché, secondo me, la scelta di tenere aperte le chiese per le celebrazioni abbia delle conseguenze buone per tutti, non solo per i cristiani. Ma permettimi due premesse: 1.      Sono pienamente d’accordo con te sulla responsabilità che ognuno debba avere nella prevenzione del contagio . Penso che ognuno debba fare tutto il possibile perché non vi siano occasioni di assembramento e che si rispettino le norme igienico-sanitarie. 2.   

Le donne e la chiesa

  Cara Valeria*, domenica scorsa, durante la trasmissione televisiva “Protestantesimo” ci si interrogava sul ruolo della donna nella Chiesa. Hanno intervistato pastori donne, teologhe, suore, ecc. Subito dopo sono andato a celebrare. Questo pensiero è stato amplificato dall’invito “fratelli e sorelle” aggiunto al Messale Romano. Osservando le diverse assemblee domenicali era evidente che il numero delle donne presenti fosse di gran lunga superiore a quello degli uomini. Ma, seppure “la quota rosa” fosse soddisfatta, tutto ciò non ha messo a tacere una sorta di inquietudine che la domanda sulla presenza e ruolo della donna nella chiesa mi ha sempre lasciato. Molti ambiti della vita della parrocchia sono affidati alle donne: dal canto alla preparazione dei pasti caritas, dalla catechesi alla cura di ambienti e fiori, dalla guida di gruppi al centro “Granelli di senape”.    Mi vengono in mente anche spazi meno visibili come l’educazione cristiana dei figli, la presenza nel mondo del