Passa ai contenuti principali

Un nuovo modo di apparire



omelia di Pasqua 


All’alba della domenica di Pasqua Gesù appare a Maria di Magdala, a Pietro e Giovanni, e, nel vespro, agli Apostoli, ai discepoli di Emmaus.

Gesù appare ai discepoli
Il verbo “apparire” è utilizzato con un duplice significato:
  • Il primo fa emergere una dicotomia, una contraddizione. Utilizziamo questo verbo per sottolineare la distanza fra ciò che è vero, essenziale, nascosto e ciò che, invece, si mostra: appare ma in realtà non è così. Questo atteggiamento – ci ricorda Gesù nei vangeli - potrebbe caratterizzare anche l’uomo di fede che si preoccupa di far vedere, di apparire, di mostrare. Non a caso mette in guardia i sacerdoti, gli scribi e i farisei.
  • Il secondo significato è presente nei Vangeli della risurrezione dove Gesù appare ai discepoli. Qui l’apparire, come sottolinea s. Giovanni, ha le caratteristiche della luce. Apparire non vuol dire nascondere ciò che vero ma, al contrario, farlo conoscere, mostrarlo.

Perciò dal modo con il quale Gesù sceglie di apparire (pensiamo ai discepoli di Emmaus o alle apparizioni sul lago di Tiberiade) possiamo cogliere 4 elementi:
  1. Gesù cammina con i discepoli, si fa trovare sul luogo dove gli apostoli sono tornati a lavorare, entra in casa. Il primo atteggiamento è quello della condivisione. Gesù appare condividendo la storia, le paure, i dubbi, le fatiche, le delusione dei discepoli.
  2. Gesù si mette in ascolto. Accoglie le domande, fa silenzio e permette all’altro di esprimersi.
  3. Gesù mostra se stesso attraverso il segno delle sue fragilità: il pane, le ferite della croce, la sua fame. Il Maestro non pretende di dimostrare, ma si mostra e lo fa con linguaggi semplici.
  4. Gesù scompare. Appena viene riconosciuto, il Maestro va via. Il suo apparire, però, lascia un segno nel cuore dei discepoli, una domanda, uno stupore. A differenza delle cose apparenti che si dileguano senza segnarci, le apparizioni del Signore cambiano la vita. Pensate al racconto dell’apparizione di Gesù a Paolo.


Questi 4 atteggiamenti, mentre mi hanno fatto gioire nel riconoscere tutte le volte che il Signore è apparso nella mia vita, mi hanno anche interrogato.

In questo tempo è emersa con più intensità la domanda: dov'è Dio? 
E, probabilmente, ci siamo messi alla ricerca di Dio chiedendoci perché non appare così come è scritto nei vangeli? 
Quando abbiamo paura, siamo delusi o stanchi, come i discepoli dopo la morte di Gesù, potremmo ritornare a fare ciò che facevamo prima, tornare indietro con i discepoli di Emmaus o metterci alla ricerca di apparizioni e visioni, dimenticando che il modo di apparire di Gesù è differente dal nostro bisogno di apparire.

Nel nostro tempo apparire può voler dire influenzare, emergere, farsi sentire, dimostrare, vantarsi. Viviamo tutti una sorta di narcisismo mediatico.
Pensiamo a quanta cura si ha nella vita politica nel misurare secondi o i minuti in cui si appare sugli schermi. All’uso dei social, alla preoccupazione di contare i like, di fare a tutti i costi un commento, all’attenzione data dalla rete agli influencer e alle loro opinioni. Ciò che accomuna tutti è la preoccupazione di apparire non solo le donne e gli uomini dello spettacolo. In questo tempo tutti siamo stati costretti ad apparire su uno schermo, a mostrarci all’altro per poterlo incontrare.

Ma è sufficiente apparire per esser presenti nella storia o il modo di mostraci potrebbe essere già un annuncio del vangelo?

Chi si accontenta solamente di apparire:
  • non si preoccupa di camminare con gli altri ma cerca il modo di usarli, di rubare il loro consenso o anche la loro disapprovazione;
  • non ha voglia di ascoltare quanto, piuttosto, di parlare, dire, raccontare;
  • non mostrerebbe mai le sue fragilità, cancellerebbe qualsiasi errore o sbavatura, hanno bisogno di dire parole forti e convincenti;
  • e, soprattutto, non si metterebbe da parte, né dopo essersi mostrato vorrebbe non scomparire dagli schermi. Piuttosto è preso da una sorta di bulimia che lo porta ad essere presenti ovunque, a cercare i primi posti, a riempire schermi, piazze, notizie. Un bisogno insaziato di presenza.

Oggi nel celebrare la Pasqua raccontiamo le apparizioni di Gesù. Ricordiamo che il nostro Maestro e Signore si mostra camminando accanto a noi, ascoltandoci e lasciandoci parlare. Lui non cerca il nostro consenso e che dopo averci trovati, continua a nascondersi per farsi cercare ancora.
È questo il motivo per cui anche il nostro parlare di Lui non può assumere altri linguaggi, non può avere altre pretese se non quelle di camminare affianco a chi cerca Dio con discrezione, amorevolezza e senza giudizio. È questa la ragione per cui scegliamo di dire una parola in meno, fare un passo indietro, non far sapere ad una mano ciò che fa l’altra.

È per questo che non cerchiamo di dimostrare l’esistenza di Dio con tanti discorsi ma preferiamo mostrare la bontà del Signore che “sceglie ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, ciò che nel mondo è debole per confondere i forti” (1 Cor 1,27-28).
È questa consapevolezza che ci chiede di misurare la nostra presenza nel mondo con la logica del lievito e del sale che non pretendono di essere ovunque o di occupare, a qualsiasi costo, tutti i posti.

Il Cristo risorto è simboleggiato, nella veglia pasquale, da un cero acceso che resta per tutto l’anno nella chiesa. Il cero ci ricorda che il Signore risorto appare in mezzo a noi come una luce: non abbaglia, non nasconde, non confonde. 
Come la luce Gesù appare nella nostra vita e ci permette di vedere ciò che altrimenti non avremmo visto, ci aiuta a riconoscere nel groviglio delle nostre strade la via che ci riempie di gioia, ci riempie di stupore nell'attesa del giorno senza tramonto.
Da cosa possiamo riconoscere, allora, la presenza del Risorto? 
Dal segno che lascia nel nostro cuore, dal profumo della libertà, dal calore che resta nel nostro cuore e ci aiuta a non vivere più per noi stessi. Quando il Risorto appare non ci lascia come ci ha trovati.
Preghiamo gli uni per gli altri perché, dopo questo lungo tempo di desolazione, come il profeta Giobbe, possiamo dire: “Io ti conoscevo solo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti hanno veduto” (Giobbe 42,5).

Buona Pasqua

Commenti

Post popolari in questo blog

Come i pastori e i magi: analfabeti e curiosi

Il tempo di Natale presenta d ue destinatari privilegiati dell’annuncio della nascita del Messia: i pastori e i magi. I primi sono uomini che vivono una condizione di marginalità, poveri e analfabeti. I secondi, si presentano in una condizione economica e culturale differente: possono viaggiare e sono accolti alla corte del Re Erode. Il loro status, però, non colma una lacuna: anche essi non conoscono, non sanno. Hanno un'intuizione, una visione, cercano ma non trovano.  Dinanzi al mistero di Dio, a volte, ci sentiamo come i pastori : completamente analfabeti, assorbiti dalle preoccupazioni quotidiane, occupati dai nostri affanni. Altre volte come i magi : percepiamo qualcosa, cerchiamo ma non abbiamo gli strumenti per parlare di Dio. Abbiamo delle conoscenze culturali, ci siamo fatti delle idee ma ci sentiamo analfabeti rispetto al linguaggio della fede.  Questa condizione ha richiamato alla mia mente tre forme di analfabetismo che mi piacerebbe declinare con la fede, la spera

La Messa al tempo del COVID

  Ciao Saverio [1] , mentre mi chiedevo cosa proporre alla nostra Comunità per il tempo di Avvento mi sono imbattuto nel tuo post su Facebook . Ti domandavi che senso avesse tenere aperte le chiese in questo periodo così complesso a causa dell’emergenza Covid attribuendo questa concessione alla “longa manus” del potere ecclesiastico che, alla fine, riesce sempre ad ottenere ciò che vuole. Non so se le cose siano andate così e, non ti nascondo che, se fosse vero, mi dispiacerebbe molto. Ma vorrei dirti, senza presumere di mutare la tua opinione, perché, secondo me, la scelta di tenere aperte le chiese per le celebrazioni abbia delle conseguenze buone per tutti, non solo per i cristiani. Ma permettimi due premesse: 1.      Sono pienamente d’accordo con te sulla responsabilità che ognuno debba avere nella prevenzione del contagio . Penso che ognuno debba fare tutto il possibile perché non vi siano occasioni di assembramento e che si rispettino le norme igienico-sanitarie. 2.   

Le donne e la chiesa

  Cara Valeria*, domenica scorsa, durante la trasmissione televisiva “Protestantesimo” ci si interrogava sul ruolo della donna nella Chiesa. Hanno intervistato pastori donne, teologhe, suore, ecc. Subito dopo sono andato a celebrare. Questo pensiero è stato amplificato dall’invito “fratelli e sorelle” aggiunto al Messale Romano. Osservando le diverse assemblee domenicali era evidente che il numero delle donne presenti fosse di gran lunga superiore a quello degli uomini. Ma, seppure “la quota rosa” fosse soddisfatta, tutto ciò non ha messo a tacere una sorta di inquietudine che la domanda sulla presenza e ruolo della donna nella chiesa mi ha sempre lasciato. Molti ambiti della vita della parrocchia sono affidati alle donne: dal canto alla preparazione dei pasti caritas, dalla catechesi alla cura di ambienti e fiori, dalla guida di gruppi al centro “Granelli di senape”.    Mi vengono in mente anche spazi meno visibili come l’educazione cristiana dei figli, la presenza nel mondo del